Io non lo mangio - Essere Animali
Io non lo mangio - Essere Animali

L’agnello di Dio che non toglie i peccati del mondo: l’orrenda ed inutile strage di milioni di innocenti

Condividi su
Tempo di lettura: 2 minuti

Altro che agnello di Dio che toglie i peccati del mondo: si toglie un povero cucciolo alla propria madre e lo si uccide senza pietà

E’ davvero assurdo: nel 2023 siamo ancora qui a mangiare l’agnello convinti ci debba liberare dai mali del mondo e regalarci pace e serenità.

Direi – ad occhio e croce – che questa tradizione funzioni da Mai.

Basta dare una rapida occhiata in giro e vedere come va il mondo per capire che l’orrenda uccisione di massa di poveri cuccioli indifesi non serve assolutamente a nulla.

“Di mamma ce n’è una sola. Di cose da mangiare ce ne sono infinite. Lascialo con la mamma. Le tradizioni, quando sono sbagliate, si cambiano!”

Così scrive Vittorio Feltri sulla sua pagina Facebook: da amante degli animali qual è Feltri si esprime anche in occasione della Pasqua e della barbara usanza di mangiare l’agnello di Dio che toglie i peccati del mondo.

A parte che per togliere tutti i peccati del mondo non basterebbero miliardi di poveri cuccioli, ma poi, che senso ha oggi procurare tanta inutile sofferenza?

Per non parlare della schizofrenia che regna sovrana.

Si regalano ai bambini agnellini di cioccolato per poi mettere nei loro piatti quel che resta di un piccolo essere strappato alla propria madre e barbaramente ammazzato.

Vorrei trovare un bambino, anche uno soltanto, disposto a mangiare “la carne così buona e tenera” se solo sapesse come viene ricavato il cibo che si ritrova nel piatto.

Margherita Hack: “Si dovrebbero portare i bambini a vedere i macelli”

La grande scienziata scomparsa nel 2013 era vegetariana fin dalla nascita e sosteneva la necessità di portare i bambini ai macelli.

Così si pronunciava Margherita Hack: “Io penso che si dovrebbero portare i bambini delle scuole a vedere cosa sono i macelli.

I macelli una volta erano in città, oggi li hanno portati ben lontani dalle città e nessuno sa più cosa succede.

Per i bambini la carne è un bell’involtino in cellophane che si trova nei supermercati e non sanno nemmeno le sofferenze che sono state prodotte agli animali che hanno fornito la carne.”

Cucciolo di agnello con la mamma - Il Sarrabus
Cucciolo di agnello con la mamma – Il Sarrabus

Quale bambino mangerebbe il cibo nel suo piatto se solo sapesse che è la carne di un povero cucciolo? Un cucciolo innocente che ha viaggiato dalle 15 alle 30 ore impaurito, affamato e assetato per arrivare in tempo ad essere ucciso?

La sofferenza servita sulle nostre tavole in nome di una tradizione crudele e anacronistica.

Senza tenere conto delle condizioni assurde in cui questi poveri animali vengono trasportati su questi camion della morte.

Enrico Rizzi: “Ogni anno si massacrano creature innocenti”

Enrico Rizzi, difensore dei diritti degli animali in Italia e nel mondo, ha partecipato nella giornata del 1 aprile alla manifestazione organizzata da Animaliberaction a Roma.

Questo il commento di Enrico Rizzi a Liguria Day in merito alla strage degli innocenti in occasione della Pasqua.

“È vergognoso assistere ogni anno a questo massacro assurdo di creature innocenti di appena un mese di vita.

È disumano vedere come l’uomo riesca a far nascere un essere vivente per massacrarlo nel peggiore dei modi dopo 20 giorni di vita nel nome della religione.

Il Medioevo è finito e nel 2023 non è assolutamente necessario uccidere animali perché abbiamo veramente di tutto a disposizione per poter mangiare.

Ringrazio quegli italiani che festeggeranno la Pasqua nel vero senso della pace con un menu assolutamente vegetale, senza quindi accomodarsi in una tavola che gronda di sangue. Sangue innocente.”

Nel 2022 sono stati 2 milioni gli agnelli sacrificati sulla tavola di Pasqua

Naturalmente la stessa questione riguarda tutti gli altri tipi di carne: capretto, coniglio, maiale, nessuna esclusa.

L’unico tiepido dato positivo è che in Italia – dal 2010 al 2016 – le macellazioni di agnelli sono diminuite quasi del 50%, fermo rimanere da allora stabili.

L’ultima parola spetta come sempre a noi consumatori: se la scelta di abbandonare questa inutile e triste tradizione e di non riempire i piatti pasquali di cadaveri di piccoli agnelli innocenti continuerà ad aumentare, la richiesta registrerà una flessione e sempre più animali saranno salvi.

Lo scorso anno in Italia sono stati macellati circa 2 milioni di agnelli, per due terzi importati da Romania ed Ungheria.

Si tratta di cuccioli separati dalle madri e macellati intorno ai 2-3 mesi mentre potrebbero tranquillamente vivere fino a 12 anni.

Ma il mercato richiede agnelli molto giovani per garantire la tenerezza delle loro carni.

Trasporti ai limiti della legalità e uccisione di animali coscienti

Oltre al problema del trasporto in condizioni spesso vergognose e ai limiti della legalità, ci sono anche altri problemi legati alla macellazione.

Francesco Ceccarelli – Responsabile investigazioni di Essere Animali – è in prima linea da lunedì 27 marzo per i controlli sulle autostrade italiane.

Il suo compito è quello di monitorare il trasporto degli agnelli importati in Italia per Pasqua. Grazie alle verifiche di Essere Animali è già stato fermato e sanzionato un camion con una situazione molto critica.

“I controlli hanno riscontrato una situazione di sovraffollamento estremamente grave, con oltre 200 animali in più rispetto al carico previsto.

A causa di queste condizioni, gli agnelli si calpestavano fra loro: tre animali non erano più in condizioni di proseguire il viaggio e per questo le autorità sanitarie italiane hanno deciso di abbatterli sul posto.

Uno degli agnelli era rimasto incastrato con una delle zampe nelle partizioni del camion durante le fasi di carico alla partenza.

Si tratta di un fatto molto grave, su cui il trasportatore non ha vigilato adeguatamente e che dopo 14 ore di viaggio ha reso inevitabile l’abbattimento dell’animale.”

Il problema dei trasporti è legato ovviamente ad un vuoto normativo.

“Le normative sui trasporti – spiega Ceccarelli – sono totalmente inadeguate, ma il problema deve essere risolto alla radice.

La Commissione europea è attualmente impegnata in una revisione completa delle leggi in materia di protezione degli animali.

Agnello diretto al mattatoio - Essere Animali
Agnello diretto al mattatoio – Essere Animali

Firma anche tu per una revisione della normativa UE

E’ fondamentale che l’Italia sostenga cambiamenti concreti e più forti a difesa del benessere degli animali trasportati, come il divieto di trasporto di animali vivi su lunghe distanze e di animali non svezzati.”

Sul sito di Essere Animali è possibile firmare per chiedere una revisione della normativa dell’Unione Europea che tuteli gli animali e che vieti i trasporti su lunghe distanze.

Firma per una revisione della normativa sui trasporti di animali

Sempre in merito al trasporto e all’uccisione di queste innocenti creature, sul sito di Essere Animali si legge che prima di essere trasportati dall’allevamento al macello, gli agnelli sono sottoposti alla pesatura.

Nelle indagini da loro svolte è stato documentato di animali rimasti appesi per le zampe anche una decina di minuti.

Questa pratica, per quanto diffusa, è illegale perché causa dolore e stress.

Ed un altro problema è legato alla scarsa formazione degli operai e agli alti ritmi di produzione che fanno sì che le operazioni di stordimento degli agnelli siano inefficaci perché realizzate in modo grossolano.

“Le nostre numerose indagini hanno documentato molti agnelli macellati senza uno stordimento adeguato.

Questo vuol dire che subiscono il taglio della gola quando sono ancora coscienti.”

Ecco, non credo sia proprio possibile che un agnellino di pochi mesi maltrattato, sgozzato ed in preda al terrore possa togliere un qualsiasi peccato da questo orribile mondo.

Piuttosto il vero peccato è continuare a pensare di poter disporre a nostro piacimento degli animali del pianeta, assoggettarli al nostro volere e far loro del male come se ci appartenessero.

Come al solito la visione antropocentrica della realtà produce danni a livello mondiale, ma sono certa che non trionferà.

Mettici la faccia e partecipa alla campagna di Essere Animali

Su Esseri Animali è possibile! Scarica qui la grafica, aprila da smartphone e computer oppure stampala.

Scattati una foto e pubblicala sui tuoi social.

Usa l’hashtag #IoNonLoMangio e tagga @essereanimali

Rosella Schiesaro

Ti può interessare anche>Pig Palace: vicino a Wuhan 1,2 milioni di suini uccisi ogni anno, l’antibiotico resistenza cresce e aumentano le vittime in tutto il mondo

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Rosella Schiesaro

Avatar photo
Nata a Savona, di origini toscane, Rosella Schiesaro ha svolto per più di vent'anni attività di ufficio stampa e relazioni esterne per televisioni, aziende e privati. Cura per LiguriaDay la rubrica Il diario di Tourette dove affronta argomenti di attualità e realizza interviste sotto un personalissimo punto di vista e con uno stile molto diretto e libero. Da sempre appassionata studiosa di Giorgio Caproni, si è laureata con il massimo dei voti con la tesi “Giorgio Caproni: dalla percezione sensoriale del mondo all’estrema solitudine interiore”. In occasione dei centodieci anni dalla nascita del poeta, ci accompagna In viaggio con Giorgio Caproni alla scoperta delle sue poesie più significative attraverso un percorso di lettura assolutamente inedito e coinvolgente.

Articoli simili

28enne muore annegato a Lerici

Annega 28enne, ipotesi malore

Si è appena concluso un weekend drammatico per la Liguria. Dopo la tragica morte del …

LiguriaDay