torre piloti sentenza

Sentenza Torre Piloti: Angrisano condannato a tre anni

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

L’ammiraglio Felicio Angrisano, ex comandante della Capitaneria di porto di Genova è stato condannato a tre anni nel processo sulla collocazione della torre piloti.

La struttura è crollata il 7 maggio 2013, a causa dell’urto della Jolly nero, provocando la morte di nove persone.

In un primo momento la procura aveva chiesto l’archiviazione del caso ma la madre di Giuseppe Tusa, una delle vittime, si era opposta. Grazie alla tenacia della donna erano stati ordinati nuovi accertamenti che hanno successivamente portato all’imputazione degli ex progettisti, dirigenti e datori di lavoro che approvarono il progetto della torre.

Con Angrisano sono stati condannati anche:

  • Fabio Capocaccia, ex commissario del Comitato autonomo portuale, condannato a due anni (il pm aveva chiesto tre anni e quattro mesi);
  • Angelo Spaggiari, strutturista, condannato a un anno e sei mesi;
  • un anno e sei mesi per Mario Como, strutturista;
  • due anni per l’ingegnere Paolo Grimaldi;
  • un anno e sei mesi per Ugo Tomasicchio, ex presidente della sezione del Consiglio superiore dei lavori pubblici;
  • un anno per Giovanni Lettich, della Corporazione piloti.

Assolti invece Paolo Tallone (ufficiale della capitaneria di porto), Sergio Morini (Corporazione piloti), Gregorio Gavarone (Rimorchiatori riuniti), Roberto Marzedda (Rimorchiatori riuniti) ed Edoardo Praino, ex funzionario del Cap.

L’autorità portuale e i ministeri dei Trasporti e della Difesa sono stati invece condannati al risarcimento delle parti civili.

Adele Chiello, madre di Giuseppe Tusa commenta: “Spero che la sentenza possa servire da monito per le istituzioni. A me non interessano le pene, ma le responsabilità che sono state dimostrate. La melma deve uscire fuori dal porto. Bisogna dimostrare anche le responsabilità dei vertici”.Questa sentenza – continua – deve essere un monito per tutte le istituzioni, un monito per chi fa il furbo e per le istituzioni che devono garantire la sicurezza della vita umana. Se fossi stata zitta qui chi avrebbero condannato?”

Nel frattempo, gli avvocati degli imputati condannati hanno già annunciato il ricorso in appello. L’udienza in Cassazione è stata fissata per il 16 ottobre.

Foto by anmil.it

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Pubblicato da la Redazione

Icona per Giornalisti Pubblicato da la Redazione
La Redazione di LiguriaDay è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono LiguriaDay, il Vostro quotidiano online.

Articoli simili

Processo per falso testamento, in ballo 3 milioni di euro

Falsifica testamento, di 3 milioni di euro, rischio processo

Una 65enne genovese è sotto processo con l’accusa di aver creato un falso testamento da …

LiguriaDay