Walter Pilloni Divulgatore Ambientale

Punto di non ritorno per i ghiacciai della Groenlandia. Un segnale altamente preoccupante.

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

La rivista scientifica americana “ Nature communication Earth and  Enviroments” ha pubblicato  una relazione secondo la quale anche se si arrestasse l’effetto del global warming  la calotta  glaciale resterebbe  comunque compromessa in maniera irreversibile.
La Groenlandia perde massa ghiacciata con una velocità tale da non poter più essere rimpiazzata dalle periodiche nevicate invernali.
Lo scioglimento dei ghiacci  è arrivato al “punto di non ritorno”.
Si è arrivati a questa conclusione dopo aver preso in esame le osservazioni degli ultimi 30 anni della calotta di ghiaccio presente nell’isola dell’Oceano Atlantico settentrionale.
La ricerca si conclude con una lapidaria sentenza: non vi è più equilibrio tra la neve che normalmente si accumulava sulla superficie nei mesi invernali rispetto alla velocità con cui i ghiacci  rilasciano l’acqua nell’ Oceano. La cosa ancora più drammatica è che, secondo lo studio anche se l’uomo interrompesse la sua attività antropica il processo di scioglimento proseguirebbe ancora a lungo. Nel  2019 la grande isola ha perso 1 milione di tonnellate  di ghiaccio al minuto per un totale di  532 miliardi di tonnellate  di ghiaccio.
Un record mai raggiunto negli ultimi  800.000 anni.

Foto ANSA EPA/NASA EARTH OBSERVATORY

Le immagini che ci giungono dai satelliti  GRACE della NASA ci testimoniano che il volume di acqua rilasciato nell’ Oceano è pari a 7 piscine olimpioniche al secondo.
Questo sversamento massiccio porterà inevitabilmente come conseguenza diretta ad un innalzamento del  livello dei mari  da 2 metri entro i prossimi 50 anni a 6 metri alla  fine
del periodo di scongelamento.
Facile comprendere come la situazione possa assumere dimensioni catastrofiche per tutte quelle città che hanno sviluppato la loro  crescita lungo le coste di tutti i mari del mondo.
Si prevedono già entro i prossimi  10 anni  migrazioni di persone  sempre più massicce dalle coste all’entroterra.
Cosa possiamo fare per evitare questa catastrofe planetaria?…Niente. Troppo tardi .
Secondo  Michalea King  dell’ istituto americano Byrd Polar and Climate Reserch Center la calotta  glaciale continuerà inesorabilmente ad assottigliarsi.
Non va meglio ai ghiacciai di casa nostra.
I ghiacciai italiani sono sempre più  limitati in estensione e volume.
Secondo il catasto dei ghiacci  negli ultimi 50 anni l’area totale coperta dal ghiaccio è passata da 527 mila km quadrati a 368 mila.
Una riduzione del 30%. Con questo ritmo entro la fine del secolo avremo perso l’ 80%.
Ghiaccio vuol dire acqua per irrigare le colture, per dissetare gli animali e gli uomini, energia per muovere le pale idro elettriche.
Una vera catastrofe a cui solo uno sparuto gruppo di addetti ai lavori o ambientalisti convinti  riservano la dovuta attenzione.
Il tempo delle conseguenze incombe su di noi come una minaccia ineluttabile, mai l’uomo in tutta la sua storia si è confrontato con una situazione climatica analoga. La desertificazione e  la riduzione delle precipitazioni porteranno al collasso della nostra civiltà.
La scienza sta cercando di comunicarci questi scenari da almeno 70 anni.
Il 97% degli scienziati che studiano la biosfera  hanno deciso di  sottoscrivere nel 2015 un documento chiamato Warning for Umanity avente come destinatario le Nazioni Unite in cui  vengono posti in evidenza i rischi per i popoli della terra qualora si proseguisse con il comportamento business as usual. Ad oggi nessuna  seria decisione degna di  nota è stata assunta.
Il tempo delle scelte è trascorso invano.

Walter Pilloni
Divulgatore Ambientale

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Pubblicato da la Redazione

Icona per Giornalisti Pubblicato da la Redazione
La Redazione di LiguriaDay è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono LiguriaDay, il Vostro quotidiano online.

Articoli simili

Compravendite voti (50€):  72 indagati a Bari

Lo scandalo corruzione continua a scuotere la provincia di Bari, con le dimissioni di ieri …

LiguriaDay